• L’istante di Saint-Tropez

L’istante di Saint-Tropez, 2008
Madera pintada, cartón
11,5 x 22 x 10 cm

De la serie Y Punto

[…] Potrei tentare di spiegarti cosa sento,
quanti profumi arrivano che porta il vento;
sarà perché viviamo sempre tanto in alto non li sentiamo più.

[…] e intanto sta finendo questa giornata al mare
e sta finendo questo sole di febbraio che se ne va
sarebbe così bello se fossi qui con me a viaggiare
potrei tentare di spiegarti cosa sento,
di tutte queste immagini che porto dentro
in uno di quei pochi giorni in cui sto bene anche con me.

“In trattoria “, Fabio Concato e Anna Oxa

L’istante di Saint-Tropez è un’opera del 2008 e si differenzia rispetto alle successive per la sua bidimensionalità, dovuta alla presenza del dipinto a olio usato come sfondo, il quale lega l’opera ad una visione frontale da parte dello spettatore. Quest’opera rappresenta un punto di partenza importante per lo scultore, come lui stesso spiega: “Mi trovavo a Saint-Tropeiz e ho iniziato a comporre quest’opera in maniera consapevole. Ho capito in quel preciso momento di essere uno scultore e che era esattamente quello che volevo fare. Credo che per tutte le persone esista un istante, un momento preciso in cui capisci qualcosa. L’istante in cui sai andare in bicicletta, l’istante in cui scopri il libro che ti segnerà la vita, l’istante in cui comprendi in che direzione devi andare. Con quest’opera ho sentito il pulsare del mondo e che il ritmo che dovevo seguire non era spettacolare o grandioso, ma sommesso e personale, fatto di percorsi a volte paralleli, molto spesso intricati, ma ancora più di frequente divergenti fra loro”.